Vini2018-03-13T15:35:46+00:00

Terroir

Circa 5 milioni di anni fa, durante l’era del Pliocene, la Tenuta era completamente sommersa dal mare.

Ancora oggi è possibile trovare conchiglie ed esoscheletri fossili nei suoi terreni stratificati, il che aumenta la concentrazione di carbonato di calcio del suolo contribuendo in questo modo a trattenere l’umidità durante la stagione asciutta e assicurando così un buon drenaggio alle piante.

La varietà dei terreni nella stessa particella, ricca di micronutrienti, permette alle viti di sviluppare profonde radici che le aiutano a sopportare i periodi di siccità garantendo così un’ottima maturazione dei grappoli. Tutto ciò definisce il carattere delle singole particelle dei vigneti, che assicurano concentrazione e apporto di tannini, i quali conferiscono al vino grande struttura e longevità. Con la viticultura celebriamo il risultato unico di una costante e millenaria trasformazione del nostro territorio: i nostri vini testimoniano una storia fatta di tradizione, territorio, duro lavoro e passione.

La cantina

Costruita negli anni ’60 la cantina della Tenuta è stata più volte ristrutturata e oggi è utilizzata per la produzione e l’invecchiamento dei nostri vini.

Tutte le varietà di uve delle varie particelle della Tenuta vengono codificate e dirette ai vari processi di produzione attraverso diverse fasi.

La fermentazione si sviluppa in tini di cemento per un periodo di circa 14 giorni in funzione dei vini, ad una temperatura di 28-30 gradi.

L’utilizzo di continui rimontaggi e follature assicura l’estrazione del colore e la preservazione del profilo aromatico.

Dopo la fine della fermentazione malolattica i vini vengono assemblati e indirizzati in tonneaux di legno francese e ungherese; infine riposano in bottiglia per un periodo di almeno 7 mesi per raggiungere l’equilibrio ottimale fra acidità, frutto e tannini.

Vini

Indietro
Bragia

Bragia

Toscana I.G.T

Il cru Bragia, composto da Cabernet Sauvignon, Merlot e Sangiovese si estende su 7 ettari il cui terreno è composto di argilla e sabbia con molti fossili di conchiglie che conferiscono al vino una notevole eleganza. La sfida che ha dato origine al Bragia è stata l’introduzione nel nostro territorio di varietà internazionali pur mantenendo le uve di Sangiovese per conservare le nostre radici toscane. Ogni vendemmia è preceduta da una potatura verde accurata e dura più di un mese perché le diverse varietà vengono raccolte a mano con diversi intervalli di tempo. Dopo che il mosto viene vinificato separatamente in tini di cemento il vino è assemblato con la giusta proporzione di diverse varietà di uve, definita in rapporto alla qualità raggiunta e poi viene fatto riposare per 12 mesi in tonneaux francesi nuovi e di primo passaggio. “Bragia”, citato nella Divina Commedia di Dante, è un antico termine italiano che significa “brace” ed è riferito agli occhi di Caronte, il traghettatore dell’Ade che trasporta le anime dei morti attraversando il fiume Acheronte.

  • Uve: 60% Cabernet Sauvignon, 30% Merlot, 10% Sangiovese
  • Densità di piante: 4800 per ettaro
  • Invecchiamento: 12 mesi in tonneaux francesi
  • Anno di impianto: 1999
  • Forma di impianto della vite: cordone speronato
  • Altitudine: 275-285 metri
  • Vendemmia: manuale con selezione
Scarica la scheda

Decanter 2016 “Focussed and firm with clean, crisp juiciness and lovely fruit clarity. Wild fruit and berries on the crunchy, textured and well-integrated palate.” – 89 points – Decanter 2016

 

2017 Jancin Robinson 16,5/20 Vintage 2015 Impenetrable dark ruby with the beginning of orange tinges. There is the Sangiovese spirit on the nose, but held back by the Cabernet Sauvignon and Merlot straightjacket. Complex and herbal. Surprisingly supple without any obvious tannic Cabernet component while Merlot adds a little fruit sweetness. Long and with soft, drying, grainy tannins. (JR) – 16.5/20 – Jancin Robinson

Indietro
Larniano

Larniano

Chianti Superiore D.O.C.G.
Ai piedi di Villa Larniano si estende il cru Larniano che è composto da un singolo ettaro di vigna piantata nel 1972 e che risulta essere la più vecchia parcella della Tenuta piantata sotto la supervisione di Ezio Morfini. La resa di questa particella di 45 anni è bassa e per questo le uve acquistano la complessità e la concentrazione che solo i vini di questa età possono ottenere. La disposizione dei filari delle vigne sono di fondamentale importanza. Nel cru Larniano i filari sono piantati perpendicolari alla direzione di massima pendenza per permettere alle piogge estive di penetrare lentamente nel suolo, piuttosto che scorrere via violentemente. Il Chianti Superiore Larniano è costituito solo dai migliori grappoli di Sangiovese, Canaiolo e Colorino accuratamente selezionati dal cru Larniano. Dopo la fermentazione malolattica in tini di cemento il vino viene fatto riposare per 18 mesi in tonneaux ungheresi. In seguito al successo del Chianti Santa Virginia, che è stato premiato come il miglior vino nella categoria “Chianti Docg” secondo la rivista Decanter per le annate 2013 e 2015, la famiglia Morfini ha deciso di produrre un vino unico, limitato a 1000 bottiglie, selezionando solo i migliori grappoli della migliore particella della Tenuta. Il risultato rappresenta la massima espressione del potenziale dei vini della Tenuta.
  • Uve: 85% Sangiovese, 5% Canaiolo, 10% Colorino
  • Densità di piante: 3000 piante per ettaro
  • Invecchiamento: 18 mesi in tonneaux ungherese
  • Anno di impianto: 1972
  • Forma di impianto della vite: cordone speronato
  • Altitudine: 265 metri
  • Vendemmia: manuale con selezione
Scarica la scheda

Decanter 2017 “A soft floral fruity nose, with a plate of cranberry, black fruit with sandalwood and coffee complexity, lovely long finish” – 90 points – Decanter 2017

 

2017 Jancin Robinson 16,5/20 Vintage 2014 N. 1 in the Chianti Category for the 2014 Vintage “Impenetrable dark ruby. Deep dark fruit nose with exotic, sweet wood notes. Intriguing, exotic dark fruit with hints of damp earth. Unpolished drying tannins but the fruit’s power absorbs this effortless on the finish. There is a hint of exotic spice that is very unusual and a little confusing, but personality it has. I would love to see this take on more age” – 16,5 Points – Jancin Robinson

Indietro
Santa Virginia

Santa Virginia

Chianti D.O.C.G.
Il Chianti Santa Virginia è prodotto nelle zone più vocate della Tenuta con viti di 40 anni di età ed è costituito da vitigni autoctoni come il Sangiovese, il Colorino e il Canaiolo per assicurare la tipica formula del più famoso vino italiano, il Chianti. Dopo un’accurata selezione al momento della vendemmia, completamente fatta a mano, viene vinificato per circa 2 settimane e lasciato riposare per circa 8 mesi in tonneaux di rovere francese e ungherese. Grazie all’armonia dei tannini, combinati con la delicata complessità di morbidi aromi, il Santa Virginia è caratterizzato da un eccellente equilibrio in bocca per cui si accompagna ottimamente sia coi primi piatti che con secondi a base di carne e coi formaggi. Nel 2016 il prestigioso “Decanter World Wine Awards” ha premiato il nostro Chianti Santa Virginia 2013 con 90 punti e nel 2017 l’annata 2015 con 93 punti. Nel 2016 e nel 2017 il nostro Chianti Santa Virginia é risultato il vino migliore nella categoria “Chianti Docg”.
  • Uve: 80% Sangiovese, 15% Colorino, 5% Canaiolo
  • Densità di piante: 3000 piante per ettaro
  • Invecchiamento: 8 mesi in tonneaux di rovere ungherese e francese
  • Anno di impianto: 1975
  • Forma di impianto della vite: cordone speronato
  • Altitudine: 265-285 metri
  • Vendemmia: manuale con selezione
Scarica la scheda

Decanter 2017 “Ripe strawberry, eucalyptus and mint on the nose, the palate has lovely deep glossy bramble and cherry fruit, fresh notes right through to the finish” – 93 points – Decanter 2017  

2017 Jancin Robinson 16,5/20 Vintage 2015 N. 1 in the Chianti Category for the 2015 Vintage “Deep crimson. Elegant and quite pure, perfumed nose of blackberry and cherry with an echo of oak and ink. Supple, dry palate with depth and gritty tannins to match. Understated and an encouraging sign that some producers in Chianti are upping the game (compared with Chianti Classico)” – 16,5 Points – Jancin Robinson

Indietro
Vin Santo

Vin Santo

del Chianti D.O.C

Creato esclusivamente con le migliori uve delle nostre vigne il nostro Vin Santo è invecchiato per 6 anni nei caratelli, piccole botti di rovere da 50 l. e deve molto del suo carattere speciale alla madre, un lievito antico, accuratamente conservato dalla famiglia Morfini. Questo tipo di vino dolce, tipico della regione Toscana, si accompagna magnificamente con i “cantucci”, i tradizionali biscotti secchi a base di mandorle. Le origini del suo nome risalgono al xiv secolo: un frate della provincia di Siena usava i resti del vino della Messa per curare i malati. Al rimedio miracoloso fu presto associato associato il titolo di Santo e fu così che nacque il Vin Santo. Seducente e affascinante, il nostro Vin Santo offre un’esplosione di fragranze e sapori, che si modificano per carattere e intensità a seconda degli abbinamenti

  • Uve: 60% Trebbiano 40% Malvasia
  • Densità di piante: 3000 piante per ettaro
  • Invecchiamento: 6 anni in barriques usate di 50 l.
  • Anno di impianto: 1976
  • Forma di impianto della vite: Cordone speronato
  • Altitudine: 270 metri
Scarica la scheda